Capitol Hill: il ruolo di Facebook nella diffusione di false notizie sulle elezioni presidenziali truccate

I gruppi di Facebook hanno giocato un ruolo fondamentale per diffondere false notizie sul fatto che le elezioni presidenziali fossero truccate. Dal giorno delle elezioni all’assedio del 6 gennaio al Campidoglio si contano almeno 650.000 post che attaccano la legittimità della vittoria di Joe Biden. Si tratta di circa 10.000 attacchi giornalieri sulle elezioni che mostrano il peso di Facebook nella diffusione di false narrazioni che hanno fomentato la violenza quel giorno.

Fonte: L’indagine di ProPublica e The Washington Post.

Facebook ha promosso fortemente i gruppi da quando il CEO Mark Zuckerberg li ha resi una priorità strategica nel 2017.

Alcuni ex-dipendenti di Facebook hanno spiegato che i gruppi sono fondamentali per la capacità dell’azienda di mantenere il più possibile impegnata una base di utenti stagnante negli Stati Uniti e aumentare così le sue entrate, che hanno raggiunto quasi $ 86 miliardi nel 2020.

I gruppi incentrati sulla politica degli Stati Uniti sono però diventati così tossici, dicono proprio alcuni ex-dipendenti di Facebook, che la società ha istituito una task force specificamente per sorvegliarli prima dell’Election Day 2020 e la cui esistenza è venuta a galla proprio grazie agli eventi di Capitol Hill.

Il problema è che proprio perché i gruppi sono diventati sempre più importanti per la strategia di Meta, gli sforzi di moderazione della società sono stati deboli, incoerenti e fortemente dipendenti dal lavoro degli amministratori di ogni gruppo. Come sappiamo, gli amministratori dei gruppi non sono pagati per eseguire il noioso lavoro di revisione dei messaggi e rimozione di coloro che violano le regole e le politiche aziendali di Facebook. Inoltre, molti gruppi hanno centinaia di migliaia, se non milioni, di membri, elemento che rende ancora più difficile controllare e moderare effettivamente i post.

Considerando che spesso sono gli stessi amministratori dei gruppi a credere nelle teorie cospirative sulle elezioni o, ad esempio, a questionare la sicurezza dei vaccini contro il Covid-19, gli ex-dipendenti di Facebook affermano che raramente il controllo fatto dagli amministratori è affidabile. Allo stesso modo, gli strumenti automatizzati, come quelli che cercano termini particolari che indicano violazioni delle politiche, sono spesso inefficaci e facilmente elusi dagli utenti semplicemente digitando le parole chiave in modo sbagliato.

Anche se un ruolo è stato giocato anche da social media più piccoli, dove le persone si sono confrontate per preparare l’attacco a Capitol Hill, Facebook è stato anche utilizzato direttamente da Donald Trump come piattaforma chiave per sostenere la falsa teoria dei brogli elettorali. Almeno fino a quando non è stato bandito il 6 gennaio. Queste bugie sono poi state riprese all’interno dei gruppi dando loro una forza enorme e trasformando Facebook in uno strumento centrale per promuovere le idee che hanno alimentato la violenza del 6 gennaio.

Il problema fondamentale di Facebook è che non riconosce l’esistenza di un problema fino a quando non sono stati causati danni enormi. Qui gli esempi si moltiplicano.


Solo dopo mesi dalle elezioni presidenziali del 2016, Facebook ha scoperto una campagna di un’agenzia con sede in Russia che ha diffuso contenuti iperpartitici e disinformazione in vista delle elezioni. La stessa lentezza è emersa quando i leader militari del Myanmar hanno usato Facebook per istigare a stupri, omicidi e migrazioni forzate della minoranza Rohingya. Facebook si è scusato per i fallimenti in entrambi i casi.

La risposta di Facebook alle elezioni presidenziali è stata altrettanto lenta. Le discussioni sono state lunghe e i dati raccolti da ProPublica e The Post mostra che Facebook ha agito in modo aggressivo e completo solo dopo l’attacco a Capitol Hill.

Alla fine, la task force di Facebook ha rimosso quasi 400 gruppi i cui post erano stati visti quasi 1 miliardo di volte prima del giorno delle elezioni. Mesi dopo la violazione del Campidoglio, Facebook stava ancora lavorando per rimuovere centinaia di gruppi politici che violavano le politiche aziendali.

Foto: 2021 assalto al Campidoglio degli Stati Uniti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...